Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/1893/31460
Appears in Collections:History and Politics Book Chapters and Sections
Title: Il Congresso di Archeologia Pubblica come progetto culturale nazionale
Author(s): Nucciotti, Michele
Bonacchi, Chiara
Contact Email: chiara.bonacchi@stir.ac.uk
Editor(s): Nucciotti, Michele
Bonacchi, Chiara
Molducci, Chiara
Citation: Nucciotti M & Bonacchi C (2019) Il Congresso di Archeologia Pubblica come progetto culturale nazionale. In: Nucciotti M, Bonacchi C & Molducci C (eds.) Archeologia Pubblica in Italia. Strumenti per la didattica e la ricerca, 211. Florence: Florence University Press, pp. 15-31. https://fupress.com/archivio/pdf/3944_21712.pdf
Issue Date: 2019
Series/Report no.: Strumenti per la didattica e la ricerca, 211
Abstract: First paragraph: Quando il 29 ottobre 2012, nella sala d’arme di Palazzo Vecchio a Firenze, si aprirono i lavori del primo congresso di Archeologia Pubblica in Italia, organizzatori e partecipanti erano immersi in un clima di grande attesa; tutti volevano innanzi tutto approfondire, dopo oltre un anno di preparazione e riunioni organizzative in giro per l’Italia, circolari, indicazioni ai relatori ecc., cosa si intendesse precisamente per ‘archeologia pubblica’. Come poteva essere definita e descritta? In che modo l’archeologia italiana avrebbe potuto contribuire al dibattito internazionale sul tema della Public Archaeology in corso dagli anni ’70? Sarebbe stato un evento scientifico significativo per i futuri sviluppi della disciplina, oppure una boutade intellettualistica e autoreferenziale? Domande che, come curatori, si ponevano in primo luogo gli autori di questo contributo, i quali, assieme a Guido Vannini, guidavano il gruppo di gestione progettuale (o PMG, Project Management Group), primo proponente e organizzatore dell’evento. Oggi, a distanza di alcuni anni da quel giorno, possiamo osservare il considerevole impatto che il congresso di Firenze ha avuto, soprattutto per l’essere riuscito a fornire basi solide per la costruzione di un movimento culturale nazionale che, da allora, ha profondamente cambiato la prospettiva con cui, reciprocamente, archeologi e non archeologi percepiscono l’essenza del proprio lavoro e si confrontano in Italia. Certo, il progressivo avvicinamento tra archeologi e non archeologi e la riflessione sull’interazione tra archeologia e società civile erano processi in atto da tempo, in Italia come all’estero, e di questo si è già detto sopra e altrove (v. l’Introduzione a questo volume, Bonacchi 2009 e Vannini, Nucciotti Bonacchi 2014). Sul modo in cui il PMG decise di operare per preparare un congresso nazionale di una disciplina inesistente, in Italia, è invece necessario spendere qualche parola in più. In particolare sull’approccio metodologico e sulle strategie, adottati fin da subito, ovvero fin dal 2010, quando il progetto di congresso venne in effetti alla luce, come prosecuzione e sviluppo del seminario Archeologia Pubblica in Toscana, i cui atti furono poi pubblicati a cura di Guido Vannini (2011).
Rights: The present work is released under Creative Commons Attribution 4.0 International license (CC BY 4.0: http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/legalcode). This license allows you to share any part of the work by any means and format, modify it for any purpose, including commercial, as long as appropriate credit is given to the author, any changes made to the work are indicated and a URL link is provided to the license.
URL: https://fupress.com/archivio/pdf/3944_21712.pdf
Licence URL(s): http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Nucciotti-Bonacchi-Chapter-2019.pdfFulltext - Published Version474.31 kBAdobe PDFView/Open



This item is protected by original copyright



A file in this item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons

Items in the Repository are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

If you believe that any material held in STORRE infringes copyright, please contact library@stir.ac.uk providing details and we will remove the Work from public display in STORRE and investigate your claim.